LiveZilla Live Chat Software

Città dell’Uzbekistan

Tashkent

gite di un giorno in tutto il TashkentTashkent ("Città di Pietra") è la capitale del paese, essa è situata ai piedi del Tien Shan, nel centro di un'oasi fiorente nella valle Chirchiq. Per molti secoli Tashkent è stato un incrocio di rotte commerciali, per cui le immagini della città sono molto variegati. Le prime informazioni su Tashkent appaiono  negli antichi annali orientali del II secolo aC: I Caravan della Via della Seta già lì passarono attraverso la fiorente città di Shash (l'antico nome di Tashkent). Le fonti cinesi chiamano la città come  Uni, mentre nella famosa iscrizione sulla "Kaaba di Zoroastro" (262 g aC. E.), la città venne chiamata come Chach. I manoscritti dicono che in tempi antichi c'erano  dei bei palazzi immersi in verdeggianti giardini, moschee e strade ombreggiate. Nei secoli VIII-XI la città  venne chiamata  come Binkent. All'inizio del XIII secolo, alla vigilia dell'invasione mongola, l'oasi Sciash fu quasi completamente distrutto dalle truppe di Khorezm Shah Muhammad. Nei secoli XIV-XV, la città ancora una volta divenne il centro commerciale e culturale dell'impero di Tamerlano e dei Timuridi, essa cominciò a proliferare intensamente a sud e ad est, diventando una delle più grandi città del tempo. Nel corso della sua esistenza, Tashkent ha sofferto alti e bassi, ma è sempre stata alla crocevia del commercio internazionale, ed era il centro della cultura dell'Asia Centrale. Grazie alla sua posizione favorevole la città è diventata la capitale  dello Stato. Terribile terremoto del 1966 distrusse quasi completamente la città. Tuttavia, a causa del lavoro faticoso dei residenti locali e all'aiuto di tutte le Repubbliche dell'URSS, la città è stata praticamente ricostruita per circa 10-15 anni, e ora è una delle città più pittoresche della regione. Da vecchia Tashkent sopravvisse un bel paio di edifici storici, moschee e mausolei. Tuttavia, la "città vecchia", o come lo chiamano qui - "Eski Shahar", è ancora agli occhi della gente, con  labirinti delle strade strette, con le basse costruzioni di adobe, con le moschee e madrasse (scuole islamiche). I migliori esempi di architettura antica della capitale sono Sheikhantaur - il complesso, composto da tre mausolei - Yunus Khan (XV secolo), Sheyhanatur (XV-XIX cc.) e Kaldirgach-Biya (XV secolo), con le famose cupole a piramide dodecagonali,  il mausoleo Zaynutdin -Bob (XVI secolo), il mausoleo Sufi Ota (XVI) e il complesso architettonico di Hazrat Imam (XVI secolo). Dai luoghi di culto è rimasto attivo Kukeldash (XIV secolo, recentemente ristrutturato), Abdul Kasim madrassah-Eshon (XVI-XIX cc.), il complesso Hast-Imam (Hasti Imam) e Barak-Khan (secoli XVI-XVII, sulle fondamenta di edifici XV) con l’Istituto di Al-Bukhari e Kaffal-Shash (XV secolo). Si attrae anche la panoramica delle Moschee Jami (Juma, XVI c), Mirza Yusuf (XIX secolo), Hayrabat-Eshon (XVIII-XIX cc.) e la moschea di Sheikh Tilla a Hast-Imam. Tashkent ha anche numerose chiese ortodosse, un convento e la chiesa, e anche la Chiesa cattolica, ciò rifletta la tolleranza del governo che è sempre stata ben nota al di fuori del paese. A Tashkent ci trovano moltissimi musei, tra i quali i più interessanti sono il Museo Statale d'Arte con una vasta collezione dei dipinti, con le ceramiche,  con le insegne reali e "suzani" ("Suzane" pannelli decorativi ricamati in stile persiano), Biblioteca Pubblica, il nuovo Museo di Amir Timur, il Museo della Storia dell'Uzbekistan, Museo delle Arti Applicate dell'Uzbekistan (inaugurato nel 1937, con circa 30 mila campioni di artigianato e dei gioielli), Museo della Letteratura, Museo della Storia delle Ferrovie e molti altri.  Merita l’attenzione il Grande Teatro d’Opera del Balletto “Alisher Navoi”, con una bella piazza di fronte, il Conservatorio, 9 teatri e molte altre istituzioni culturali ed educative. Come altrove in Oriente, a Tashkent  esistono molti mercati, anche mercati urbani, essi sono stati considerati i migliori tra i più antichi bazar della capitale - Eski Juva, così come mercato Chorsu vicino Kukeldash. 15 km a sud di Tashkent al distretto di Zangiata si trova il villaggio con due antichi mausolei: di Zangiata e di  sua moglie Ambar Bibi (Kambar Ana, XIV sec), che si sviluppa intorno ai vasti giardini ed ha un complesso di edifici monumentali del XIV-XIX sec., la Madrasa (XVIII secoli -XIX.), la moschea (1870) con il minareto (1914-1915.) e l’antico cimitero.

Samarcanda

escursioni di un giorno a SamarcandaSamarcanda è una delle più antiche città del mondo, fu la città antica della Grande Via della Seta, fu la capitale dell'impero dei Timuridi. La città è situata nella valle del fiume di Zarafshan nella zona sud-orientale dell’Uzbekistan. La città è conosciuta dalla metà del 1 ° millennio aC. e. Per la prima volta fu menzionata nei testi avestici come Markand, fu la capitale del ricco campo di Sughd (Sogdiana). La città fu quasi completamente distrutta dalle truppe di Alessandro Magno. La leggendaria città sogdiana di Afrasiab è stata ricostruita ed ancora una volta divenne il centro della provincia di Ariana (uno dei titoli della città - "Mahfouz" può essere tradotto come "mantenuto"). Nel IV aC. e. la città di Samarcanda fa parte dell'impero dei Seleucide. Nei secoli II-I. BC. e. su queste terre si osserva la piena espansione del regno della Battriana, e all'inizio del nuovo millennio, la regione si trovò sotto il dominio dell'Impero Kushan. Nel 712, le forze arabe guidate da Kuteyba ibn Muslim occuparono la città, ma un anno dopo scoppiò la prima delle rivolte popolari che quasi un secolo ha scosso le periferie nord-orientali del Califfato, e per aiutare nel 809, Samarcanda ottiene di nuovo una relativa indipendenza e diventa la più grande città della regione. Il 17 marzo 1220 a Samarcanda entra l'esercito di Gengis Khan, e dopo la sua morte nel 1227, la città divenne la sede del secondo figlio di Gengis Khan - Chagatai. Nel 1370 la città divenne la capitale dell’Impero di Tamerlano, il suo vasto impero e entra in un periodo di prosperità  e fioritura culturale ed economica, ciò si continua durante il regno del nipote di Tamerlano - Ulugbek. Nei secoli XIV-XV furono costruite le mura della città e la fortezza, con le strade larghe, con grandiosi complessi architettonici, e sul perimetro della città furono coltivati 13 enormi parchi e giardini. La maggior parte di questi oggetti anche oggi sono i principali simboli della città. La piazza principale di Samarcanda è Registan (El-Registan, secoli XV-XVII), è una delle più belle piazze del mondo, circondata da grandi vecchi edifici, dai minareti e dai mausolei. Samarcanda sorprendente il turista con le decorazione dei suoi edifici, con i monumenti, è un luogo dove l'arte del rivestimento ha raggiunto il suo punto più alto - su molti vecchi edifici non c’è una minima parte della superficie, senza arredamento. E questa abbondanza sfrenata della pittura ornamentale multicolore, doratura e rivestimenti vetrati sembra l’unica nell'architettura mondiale. Un esempio lampante è il Tilla-Kari Madrassah (XVII secolo), che ha ricevuto anche il nome di "dorato" con una cupola interna della sala. Nemmeno i maestri celebri del califfato  non conoscevano una placcatura in oro massiccio con la superficie enorme. Inoziando il viaggio da Registan, si può andare in giro per la città vecchia, visitando dei monumenti unici della cultura, come mausoleo Ishrat-Hone (ospita le donne della dinastia Timuride, XV c), Osservatorio di Ulugbek (1428-1429 gg.), Mausoleo Rukhabad (Ruhobod , tomba del misticismo islamico Burhaneddin Sagaradzhi, XIV secolo), il Mausoleo di Khoja Abdi Darun (secoli X-XVII), mausoleo di Imam al-Bukhari (IX-XIII secolo., completamente ristrutturato di recente) con una magnifica cupola, e il mausoleo del profeta biblico Daniele (XIV secolo). Intorno a  Registan c’è la Madrasa di Ulugbek (1417-1420 gg.), Sher-Dor (1619-1636 gg.) e Tilla-Kori (1646-1647). Un luogo di culto di Samarcanda è la Grande Moschea di Timur - Bibi Khanum (il più grande edificio medievale in Asia Centrale, 1399-1404.), nei pressi della quale si trova il mausoleo di Timur e dei suoi discendenti - Gur-e Amir (Gur-Emir, 1403-1410 gg .), esso colpisce con le sue proporzioni perfette e con la proporzionalità delle forme somiglianti a tulipano gigante blu. Le sue pareti interne sono fatte di marmo giallo-verde, dipinto con vernice blu e rifinito con foglia d'oro in modo che si è creato un effetto luccicante e di leggerezza di tutto il volume della tomba. Da visitare sono il Museo delle arti.  il Mausoleo di Ak-Saray (1470), la moschea Namozgoh (XVII secolo), Hodge Ahror madrasa (XV secolo), Mausoleo di Khoja Abdi Darun (IX secolo), il mausoleo del Ak-Saray (secoli XV-XVI.), il mausoleo Chupon Ata (1430-1440 gg.) e la moschea di Hazrat Khidr (Hazrat Hyzr, XIX secolo). Nella parte settentrionale della città  si trova l’insediamento adiacente di Afrasiab (secoli VII-II. AC. E.), nella parte meridionale del quale si trovano le tombe Shokhi Zinda (1370-1449 gg.), limitate su entrambi i lati del cenotafio (tomba immaginaria)  del Santo musulmano Abbas ibn Kussama, moschee e mausolei secoli XI-XV.  Il Museo di Afrasiab ha una vasta collezione di reperti archeologici di antica città. Da visitare è anche il mercato di Chorsu (XVIII secolo), la frazione di Urgut con il suo mercato e ben noti secolari platani, la grotta di Hazrat Dawood (come i musulmani chiamano il biblico re Davide) nei contrafforti della Fascia di Turkestan, vicino al villaggio di Aksay.

Bukhara

gite di un giorno in tutto il BukharaBukhara è situato nella parte sud-ovest dell'Uzbekistan, a circa 200 km da Samarcanda. Bukhara è una delle più antiche città dell'Asia Centrale,  "la Stella del mondo islamico" e "la città santa di Asia Centrale" ha ricevuto i titoli per una buona ragione - nel Medioevo qui c'erano 360 moschee e 80 madrasa. Una vecchia leggenda dice che tutte dal cielo scende la luce della grazia sulle città musulmane, e solo a Bukhara si alza e non scende. Fondata 2500 anni fa  sotto il principe persiano Siyavush come cittadella reale, la città cominciò a crescere rapidamente grazie alla sua posizione strategica,  essa  fu situata alla crocevia di rotte commerciali che portano a Merv, Urgench, Kabul e Samarcanda. L'aspetto moderno della città  è formato sotto la dinastia del khan uzbeco Sheibani e degli Ashtarkhanidi (secoli XVI-XVII), allora furono costruite le moschee affascinanti, le madrasa, i caravanserragli e bagni, le mura e le porte, nonché gli altri principali complessi architettonici e le tombe. Questa meravigliosa città non è dispersa oltre le sue mura costruite nel XVI secolo. E qui si trovarono innumerevoli edifici religiosi e bazar, dove  si poteva, senza esagerazione, comprare tutto. Passeggiando attraverso la Vecchia città di Bukhara, fondata nei secoli aC, uno passa sui monumenti di antiche civiltà. Ancora oggi  la  città ha conservato le  antiche mura della cittadella, più di 140 monumenti architettonici di epoca musulmana e le sue stradine. Una perla della città è un piccolo mausoleo di Samanidi, che ha recentemente festeggiato il suo millennio (Bukhara fu la capitale della dinastia dei Samanidi). Visualmente, ad una distanza questo sepolcro si presenta come uno scrigno dorato intagliato, sormontato da una cupola bassa. Avvicinandosi i turisti rimangono sorpresi: l'intero mausoleo è costruito di ordinari mattoni cotti, tuttavia, l'abilità con cui eseguita in muratura (mattone su mattone) crea un gioco di luci e ombre si crea la sensazione del mausoleo riempito d’aria e della perfetta grazia. In tale tecnica viene eseguita e altro simbolo architettonico di Bukhara - un complesso architettonico Poi Kalon ("pilastro della grandezza"), che consiste del Grande minareto Kalyan (1127, è considerato uno dei più alti in Asia), la Moschea Kalyan e due madrasse - Miri-Arab (1.536 g) e Emir Alimhan (XX secolo), con delle gallerie circolari alla lanterna del minareto, con uno spettacolare panorama dell'antica Bukhara. I monumenti architettonici di importanza mondiale sono anche Chashma-Agrob (Chashma-Ayub, 1380), il mausoleo di Buyan Kuli Khan (1358) con belle mura di terracotta, il Mausoleo Saifiddin Boharzi (Sayf al-Din, secoli XIII-XIV), la residenza estiva degli emiri di Bukhara, la cittadella Ark (secoli XV-XIX), il  band di culto Gaukushon alla moschea di Hodge-Kalyan, il  Minareto e  la madrasa Gaukushon Hodja (1570), le arcade So-e-Telpak Furushon (XVI secolo ), l’unico Magoki-Hattori (1546-1547), il palazzo moschea Jami (XIX secolo), le moschee Balyand (XIV secolo) e Hodja-Zainuddin (1555), la moschea e madrasa Bola Hauz (XVIII secolo), la madrasa Ulugbek (secoli XI-XVI, l'unico periodo costruzione qua, sotto il suo regno), la madrassa  Abdulaziz-Khan (1652) di fronte alla Madrasa di Ulugbek, le madrasa Modari Khan (1566-1567) e Abdullah Khan (1558-1590 costituite come  Kosh-madrasa - "doppie madrasa"), Chor-Minor (1807) e il palazzo di campagna dell'ultimo emiro del paese Mohi Khosa (secoli XIX-XX, 4 km a nord di Bukhara);  Labi-Hauz è il centro il di un altro magnifico monumento di Bukhara. "Hauz" - uno stagno, e non si deve  parlare del ruolo svolto dagli stagni nella vita di questa città, che si trova ai margini dei deserti caldi. Ecco il Labi Hauz rettangolare con angoli tagliati, la piscina è circondata da tre madrasa monumentali  dei secoli XVI-XVII, esso una volta fu il centro della vita sociale della città.  La madrasa Kukeldash (1568-1569) e la khanaka Nadirdevanbegi (Nadir Devon Begi 1622)  furono costituiti come  l’intero complesso, e un Labi-Hauz è un elemento centrale  di questo complesso. Perfettamente conservate  sono le meravigliose cupole Zargaron e tanti altri bellissimi monumenti. E, oviamente nessuno passare non entrando ai  rumorosi  bazar di Bukhara. Nella periferia della città sono concentrati tantissimi monumenti storici - il palazzo fortezza Varakhsha (secoli V-IX.), la madrasa Ohunda Ibrahim (1884), la moschea rurale Namozgoh (secoli XII-XVI. ) a sud della città - è un paradiso per passeggiare  ai monaci pelligrini (1598-1599), la tomba degli sceicchi dell'Ordine "Naqshbandi", il complesso Chor-Bakr (XVI secolo) - il luogo di sepoltura della famiglia dello sceicco Zhubayri (1560-1563), la  khanaka Faizabad  nel villaggio Sumitan, il mausoleo del santo patrono di Bukhara e mentore spirituale Timur Bahauddin Naqshbandi (fondatore del  ordine dei Sufi "Naqshbandi, 1560-1563), la tomba dell’insegnante di Bahauddin Naqshbandi - Hazrat Syed Amir Kulol nel villaggio di Qasr Arifon e le rovine di un caravanserraglio Rabat Malik a Kermine.

Khiva

gite di un giorno in tutto il KhivaCittà protettivo di Khiva si trova nel cuore del deserto del Karakum, sulla riva sinistra del fiume Amu Darya, a 450 km da Bukhara. La leggenda narra che fu fondata da Sem (Shem), figlio di Noè. Una volta Horasm tardi Hvarezm e Khorezm, fu uno dei principali centri della Grande Via della Seta, nel XVI secolo, fu la capitale della dinastia timuride, servito come il mercato degli schiavi principale e il centro del khanato per tre secoli, fino all'entrata in l'Impero russo. Le parole per descrivere la città è inutile, deve essere visto. E 'sopravvissuto più di un centinaio di monumenti di epoche e nazioni diverse, così nel 1967, Old Khiva, e nel 1990 - Ichan-Kala, sono state fatte per la World Heritage List dell'UNESCO. La parte più antica della città, fondata in quanto è considerato nel V secolo aC. e., si trova all'interno delle antiche mura della città, parte del Ichan-Kala ("città vecchia"). Le prime fortificazioni presenti sul sito sono stati costruiti nei secoli V-IV. BC. e., ai nostri giorni la città murata interna comprende 60 strutture storiche. Qui potete vedere questi monumenti storici unici, come il complesso cittadella Kun-Ark (1686-1888 gg.), Il cancello orientale Palvan Darwaza (1804-1806 gg.), Il cancello meridionale di Tash-Darwaza (XIX secolo), la porta nord Bagcha Darwaza (XIX secolo), il cancello principale - Ata-Darwaza (. 1842-1975 gg), il complesso del palazzo Tash Hawley (. Tosh-Hovli Palazzo Allah Kuli Khan, 1830-1838), interamente rivestita con piastrelle smaltate minareto Kalta- Minor (Kaltar, 1835-1955 gg.) e il minareto con lo stesso nome (X secolo, ricostruita nel XIII secolo), famoso per la Moschea Juma (1788-1789 gg.) con le sue 218 colonne scolpite, un simbolo di Khiva - Islam-Khoja minareto (1910 g, altezza 56 m), il minareto Palvan Kari (XVIII secolo), una moschea e minareto Murad Tour (1888), la moschea e la Camera di Anush-Khan (1657), la Moschea Ak (1832-1842 gg.) Baglandy (1809 ), Hassan Murad Kushbegi (1802), lo sceicco Mukhtar-Ata (1810-1838 gg.) e Yar Muhammad Devon (XVIII secolo), così come un bastione Akshi Bobo (XVII secolo) e il centro commerciale Palvan Kari (1905) . Per i luoghi di culto di Ichan-Kala ("città bassa") possono essere attribuiti Pakhlavan Mahmud Mausoleo (secoli XIV-XVI). Payando (XVI secolo), Syed Allauddin (1303 g), Tugon Tour (XIX secolo), Uch-Ovliya- Bobo (secoli XVI-XX.) e Yunus Khan (1558-1559 gg.), madrase arabo Muhammad Khan (1616-1834 gg.) Hodzhamberdybiya (1688-1834 gg.) Shirgaziz Khan (1718-1720 gg.) Sherghazi Khan (1718-1726 gg.), Muhammad Amin Inaki (1785), Abdullah Khan (1855-1865 gg.) Qutlugh Murad Inaki (1804-1812 gg.) Hodge Marama (1839), Musa Tour (1841), il palazzo e madrasse Muhammad Rahimkhan (1846-1855 gg.), Muhammad Amin Khan (1851-1871 gg.), Amir Tour (1870), Matniyaz Dewan-e-run (1871 g) Muhammad Rahim Khan (1871), Yakubbay-Hodge (1873), Ven-Alam (1882), Mazar-i-Sharif (1882), Atazhanbay (1884), Kazi Kalyan (1905) Matpanabay (1905), Matrasulbay Mirzaboshi (1905), Abdurasulbay (1906), Yusuf Yasulbashi (1906), una moschea e madrasa detto Bai (secoli XIX-XX). Tolib-Maksum (1910), Matniyaz- Divanbegi e Kazikalon e caravanserraglio e madrasse Allah Kuli Khan (1834-1835 gg.) e adiacente ad essa lo stesso nome Tim (Covered Bazaar, 1836-1838 gg.). La parte esterna di Khiva chiamato Dishan-Kala, ed è una zona residenziale e commerciale della città antica, e circondata da antiche mura. Degno di nota lo stesso rabad Dishan-Kala, la sua porta settentrionale di Kosh-Darwaza (XX secolo), la porta occidentale del Ata-Darwaza, porta restaurata Gandimyan Darwaza (1842-1970 gg.) Porta Khazarasp Darwaza (XIX secolo), arch Tozabog (1910) e il Palazzo di Qibla-Tozabog (1897), il palazzo Nurulla-Bai (1910-1918 gg.), la moschea e madrasa Syed Niaz Shalikar Bai, mausolei Abdal Bobo (IIX secolo-XVIII). Shakalandar Bobo (XVI secolo) e Saeed Mohammed Mahir (XIX secolo), così come madrasse detto Muhammad Khan (1864), Tourte-Shaffaz (1885), Bikanzhan Bica (1894), Mamat-Maram (1903), Palvan- Cary (1905) e Horezmshah (1915). Interessanti sono anche il mausoleo di Mahmoud Pahlavi, caravanserraglio Allah Kuli Khan (XIX secolo), il mausoleo di detto Alauddin (XIV secolo), sede del famoso fotografo Hudaibergen Devanova Khiva (1908), la casa Matvafo Karvanboshi (1910) e molte altre strutture uniche . Nelle vicinanze di Khiva dovrebbe vedere una moschea e madrasa Atajan Tour (1893-1899 gg.), Madrase Ibrahim Hodge (1888), il minareti Shahimardan (XVIII secolo) e Shihimavlon (XIX secolo), così come il mausoleo di Bibi Hajar (1846) Sheikh Mavlon Bobo (XIX secolo) e Shahimardan (XVIII secolo). 

Shakhrisyabz

excursion around ShakhrisabzPiccolo Shakhrisabz ("città verde", pers.) Si trova a soli 90 km a sud di Samarcanda, ai piedi del Hissar e Zeravshan gamme, alla confluenza del Aksu e Tanhoz. Questa è una delle più antiche città del mondo, secondo alcune fonti, l'insediamento umano in questo luogo esisteva già nel 1700 aC. e. C'erano marciando falange di Alessandro Magno, fu fatto prigioniero dal satrapo di Battriana caravan, Bess, movimento anti-arabo è stato concepito e passò della Grande Via della Seta. Antico nascondiglio, il luogo di nascita di Amir Timur e l'ex "casa residenza" Tamerlano, una volta era probabilmente velichetsvennee e più ricca di Samarcanda. La città è sopravvissuto relativamente pochi monumenti della storia, ma sono tutti unici e hanno un enorme valore storico. Le attrazioni includono: Palazzo Shahrisabza Timur Ak-Saray (Palazzo Bianco, 1380-1404.), Che è in gran parte distrutto, ma intensamente restaurato. Oltre il cancello gigante di 40 metri, è possibile vedere i magnifici mosaici filigrana e tecnologia unica campioni di muratura, con cui giudicare ciò che magnificenza era probabilmente questa enorme residenza estiva. Non meno interessante è il complesso del mausoleo Dorus-Sadat (Dorus Saodat ", sede del potere", XIV, c) - tomba di Jahangir e Omar (figli di Timur), che nel suo campo di applicazione e finitura paragonabile alla Ak-Saray. Luoghi di culto della città sono anche Ensemble Dorus Tilyavat ("Moschea Blu", XIV, c) - il mausoleo di Timur mentore spirituale Shamsiddin Kulol, elegante mausoleo Gumbazi-Seyidon (XVI secolo, ospita i discendenti di Ulugbek) e una moschea Kok Gumbaz (1435 g) così come la moschea di Hazrat Imam (XIV secolo) e il cenotafio di Timur (è sepolto a Samarcanda, e qui ci sono le tombe dei parenti del grande conquistatore).

La Valle di Ferghana

gite di un giorno intorno la Valle di FerghanaPoiché l'Uzbekistan è il cuore dell'Asia centrale, e la Valle di Ferghana - il centro di Uzbekistan. Più di 7 milioni di persone, circa un terzo della popolazione totale, vivono in questa fertile pianura del fiume Syr Darya. Il fiume scende dalle montagne del Pamir e la valle si estende per circa 300 km e 150 km di larghezza, mentre circondato da cime del Tien Shan - catena Chatkal delle montagne a nord, ad est di Fergana e Pamir-Alai, nel sud. Miglior passaggio per i commercianti e conquistatori erano cancello Khodjikent in Occidente, dove il fiume lascia la valle e verso la steppa affamato. Città Khodjikent proviene dal tempo delle conquiste di Alessandro Magno nel 329 aC, quando il macedone creato qui il loro 9 ° fila Alessandria - Alessandria ESKHATA (molto tardi). 2 secoli dopo, l'inviato cinese e un pioniere della Via della Seta - Zhang Qian ha reso a valle dopo decenni di vagabondaggio, sfollati a causa dei nomadi ai confini della Cina. La valle di Ferghana è composta da 6 città di Kokand, Fergana, Marghilan Shahimardan, Andijan e Namangan. Kokand chiamato mistica - Windy City Kokand condiviso il suo nome alla potente khanato del 19 ° secolo, che si estende dalla Valle del Ferghana a Tashkent e il kazako steppa meridionale. Anche se relativamente giovane rispetto ad altre città, Kokand rapidamente sbocciato in un centro commerciale e religioso promettente, in competizione con i doni della Asia centrale Bukhara e Khiva regni. Fergana Fergana città è diventata la terza più grande città nella valle di Fergana con una popolazione di 220.000 persone. Fondata nel 1820, a 20 km dalla città antica Marghilan, fu battezzato New Margilan, in seguito divenne Skobelev nel 1907, in onore del primo governatore militare, e infine nel 1927, preso in prestito il nome dalla valle. Strade larghe Fergana sparsi fan della vecchia fortezza militare, ricordando San Pietroburgo progettare Tashkent. Parchi, fontane, architettura russa e zone industriali rafforzano la somiglianza e contrasto con l'uzbeko islamica Margelan. Marghilan portiere lungo di segreti di bachicoltura, Marghilan stato il più grande tappa sulla via della seta al 9 ° secolo, anche se le leggende locali attribuiscono l'origine della storia della città al tempo di Alessandro Magno. Al suo arrivo è stato presentato con pollo (murgh) e pane (non), dopo di che ci fu un nome di città. Più tardi nel 15 ° secolo, Babur vide Margelan città piena di ogni bene. Le sue pesche e melograni - è qualcosa di incredibile ... bestiame e selvaggina - buono, così come molti combattenti notevoli di Samarcanda e Bukhara erano Margilana.Shahimardan Estate somiglianza della valle di Fergana con una pentola bollente rende molte persone pensano che una volta dimenticato tradizione nomade e voce a verso le colline. Famosa località Shahimrdan, dove è sempre aria fresca, fiumi impetuosi e laghi di montagna, ha un doppio fascino in forma di pellegrinaggio politico e religioso. Le strade seguono il fiume in piena Shahimardan alla sua sorgente nella città dove il fiume più puro Kok Su fonde con le acque del fiume lucido Ok Su. Andijan Conosciuta nel 10 ° secolo come un villaggio di Andijan Andijan ha segnato lo sviluppo sostenibile e rafforzare la sconfitta in scala della regola epoca mongola. Già alla fine del 13 ° secolo Kaydu Khan, il grande nipote di Gengis Khan, ricostruita la capitale di Fergana. È rimasto per i successivi tre secoli, dando il suo nome in Chagatai turco tutta la valle. Come la porta orientale di Transoxiana, Andijan era il centro di un commercio lucrativo con Kashgar. Città Namangan Namangan ha lo status della terza città più grande in Uzbekistan dopo Tashkent e Samarcanda, pur essendo relativamente nuovo per questa culla della civiltà Fergana. Il suo nome deriva dalle saline locali, namak kan, fornitori di lunga data di sale a Tashkent. Durante l'occupazione russa della regione di Andijan trasformata in un bastione dell'Islam, con più di 20 madrasse e 600 moschee. Ere centro russificati zarista e sovietico e aree suburbane trasformato in un'appendice industriale, aumentando la popolazione di 330.000 persone, ma mai sottomessi persone. "Dopo aver visitato l'Uzbekistan, verrà accordato molto rispetto e ospitalità, e le famiglie locali con allegria ospiterà cordialmente".